Sui rebreather CCR

2015 configuraz STDA piccolaA partire dal 2008 STDA è stata la prima scuola e poi agenzia a livello internazionale, ad aver introdotto come standard nei corsi CCR avanzati la connessione 'volante' al bail-out di fondo e decompressive; negli anni in molti hanno poi cominciato a copiarlo. Nei fatti questo è solo un pezzo della configurazione che rientra in un sistema di insieme, relativo alle procedure di immersione contenute nei programmi STDA. Dal 2005 Marco Valenti ha cominciato a sviluppare piani decompressivi appositi per CCR arrivando ad inserire le metolodogie decompressive nei corsi STDA, nel range dei 0-130 metri.

Solo pochi e selezionati CCR vengono considerati da STDA. I CCR in questione devono avere:

  • 2 display/elettroniche ridondanti (compresa l'alimentazione separata); nel caso di un display ed un HUD è obbligo avere un computer CCR 'stand alone'
  • immissione manuale dell'ossigeno sul sacco espiratorio,
  • sacchi polmone preferibilmente anteriori (non tassativo)
  • bov (preferibilmente tipo Shrimp BOV IQsub - Golem Gear che consente il lavaggio inverso)

Attualmente STDA non propone corsi che prevedano decompressione con rebreather eCCR progettati con un solo display/elettronica e un HUD e/o con la valvola di immissione dell'ossigeno sul sacco inspiratorio.

La nostra opinione è che:

  • sostenere che durante un'immersione con decompressione l'HUD sia sufficiente a gestire un'emergenza per la rottura dell'unica elettronica è una falsità che può solo aiutare il produttore a mantenere il costo del rebreather più basso;
  • sostenere che un rebreather con la valvola di immissione dell'ossigeno sul sacco inspiratorio sia sicuro, è una falsità;
  • sostenere che i sacchi polmoni posteriori abbiano lo stesso livello di sicurezza nella gestione delle emergenze e procedure di lavaggio del loop dei sacchi anteriori è un'altra falsità; questo concetto deve essere ben chiaro ad ogni istruttore CCR STDA e spiegato al corsista/utente CCR utilizzando l'apposita tabella comparativa STDA

Questi punti sono derivati dalla semplice constatazione di problematiche ed incidenti direttamente ed indirettamente osservati in acqua in tanti anni di corsi (dal 2005) ed immersioni che hanno evidenziato i problemi senza lasciare spazio a dubbi.

Ciò non esclude che in futuro miglioramenti nella progettazione possano portare a riconsiderare le cose.

2015 configuraz STDA 4 piccola

Inizia nei prossimi giorni un nuovo corso 'Intro to Reb- Adv' su rebreather XCCR. Il corso si suddivide come sempre tra sessioni di teoria on-line, laboratori a secco, sessioni di basso fondale ed...
Buon giorno a tutti. Per il mese di gennaio è stato calendarizzato un programma di x-over per istruttori CCR su rebreather 'X'. Obiettivo del corso è quello di introdurre...
Buon giorno a tutti. Nel prossimo week end è in programma una 'Trimix Experience' STDA. I partecipanti proveranno per la prima volta una miscela Trimix entro i limiti di certificazione in...
04/01/2022-09/01/2022 Lago di Garda - Lake Garda, OC Trimix Trial dive, registration - Immersione di prova Trimix per subacquei certificati in circuito aperto, registrazione

17/12/2021-20/12/2021 Sicilia - MIlazzo, 2021 - X-CCR rebreather x-over Workshop

08/01/2022-16/01/2022 Lake Garda Italy, 2021 - X-CCR rebreather x-over Workshop

28/12/2021-30/01/2022 Trento - Lago di Garda, Intro to Rebreather-Advanced

28/01/2022-15/03/2022 Malè Riva del Garda, R2 Deep
 
Blue Edge Srl
Via delle Ghiaie, 22
38122 Trento (TN) - Italy
t. +39 347 5041939
info@bluedge.it
P.IVA IT 02127010227
Copyright © 2022 Blue Edge Srl
Credits
 
×

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa