Mission e filosofia STDA

L'obiettivo dei corsi STDA è quello di portare il subacqueo al massimo divertimento durante le proprie avventure in immersione.

L'unico modo per raggiungere l'obiettivo è di conseguire la miglior formazione possibile. Arrivando a controllare molto bene assetto e trim, applicando al meglio le procedure base per la gestione delle emergenze all'interno di un sistema integrato che preveda una configurazione minimalista e logica, il subacqueo acquisisce un alto di livello di consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti al tempo stesso.

Il primo strumento tecnico del subacqueo è il 'cervello' con le sue conoscenze; se ci sono dei 'buchi' relativi alla teoria e gestione delle emergenze, è solo una questione di tempo. Prima o poi salteranno fuori e ci saranno dei problemi.

STDA forma una rete di pochi e selezionati istruttori a livello internazionale, veri professionisti orientati alla masssima sicurezza ed al concetto di minimalismo.

Sui rebreather CCR.

2015 configuraz STDA piccolaA partire dal 2008 STDA è stata la prima scuola e poi agenzia a livello internazionale, ad aver introdotto, come standard, nei corsI CCR avanzati la connessione 'volante' al bail-out di fondo e decompressive; ed in molti hanno poi cominciato a copiarlo. Nei fatti questo è solo un pezzo della configurazione che rientra in un sistema di insieme, relativo alle procedure di immersione contenute nei programmi STDA. Dal 2005 Marco Valenti ha cominciato a sviluppare piani decompressivi appositi per CCR arrivando ad inserire le metolodogie decompressive nei corsi STDA, nel range dei 0-130 metri.

Solo pochi e selezionati CCR vengono considerati da STDA. I CCR in questione devono avere:

  • 2 display/elettroniche ridondanti (compresa l'alimentazione separata); nel caso di un display ed un HUD è suggerito almeno avere un computer CCR 'stand alone'
  • immissione dell'ossigeno sul sacco espiratorio,
  • sacchi polmone preferibilmente anteriori (non tassativo)
  • bov (preferibilmente tipo Shrimp BOV Golem Gear che consente il lavaggio inverso)

Attualmente STDA non propone corsi che prevedano decompressione con rebreather eCCR progettati con un solo display/elettronica e un HUD e/o con la valvola di immissione dell'ossigeno sul sacco inspiratorio.

La nostra opinione è che:

  • sostenere che durante un'immersione con decompressione l'HUD sia sufficiente a gestire un'emergenza per la rottura dell'unica elettronica è una falsità che può solo aiutare il produttore a mantenere il costo del rebreather più basso;
  • sostenere che un rebreather con la valvola di immissione dell'ossigeno sul sacco inspiratorio sia sicuro, è una falsità;
  • sostenere che i sacchi polmoni posteriori abbiano lo stesso livello di sicurezza nella gestione delle emergenze e procedure di lavaggio del loop dei sacchi anteriori è un'altra falsità; questo concetto deve essere ben chiaro ad ogni istruttore CCR STDA e spiegato al corsista/utente CCR

Questi punti sono derivati dalla semplice constatazione di problematiche ed incidenti direttamente ed indirettamente osservati in acqua in tanti anni di corsi (dal 2005) ed immersioni che hanno evidenziato i problemi senza lasciare spazio a dubbi.

Ciò non esclude che in futuro miglioramenti nella progettazione possano portare a riconsiderare le cose.

2015 configuraz STDA 4 piccola

Sulla formazione degli istruttori

Sin dagli anni '90, la figura dell'istruttore è stata sempre più svilita con una caduta verticale della qualità di formazione: una buona parte di istruttori non effettua corsi e/o molti altri li offrono a prezzi che non consentono nemmeno di coprire i propri costi. Il livello di preparazione e capacità in acqua di molti istruttori è scadente. Considerando gli alti rischi potenziali ai quali l'istruttore si espone, la situazione attuale non ha alcun senso logico.

STDA non è interessata a 'subacquei' che guardano prima al costo, piuttosto che al livello qualitativo del corso.

STDA non vende cartellini, fa formazione. Oggi la qualità dei corsi STDA è internazionalmente riconosciuta come ai massimi livelli.

 

A metà novembre ha inizio un nuvo corso 'Intro to Reb - Adv'. Il corso introduce subacquei già certificati in circuito aperto all'utilizzo dei rebreather entro curva.

Nel prima metà di novembre avrà inizio un corso CCR1. Il corso introduce subacquei brevettati 'intro to Reb-Deep' o equivalenti, all'immersione con decompressione, utilizzando...
Congratulazioni a Oliveir F. che nel mese di settembre ha concluso la sua formazione 'Intro to Reb - Adv'. Istruttore: Philippe Barras
13/11/2017-26/11/2017 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, Recreational Instructor Course

7/11/2017-19/11/2017 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, CCR 1

13/11/2017-26/11/2017 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, Recreational Instructor Course X-OVER

30/11/2017-3/12/2017 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, STDA Rebreather Instructor X-OVER

17/2/2018-25/3/2018 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, Intro to Rebreather-Advanced'

14/11/2017-4/2/2018 Trento - lake Garda (Italy), STDA Headquarter, Intro to Rebreather-Advanced'
 
Blue Edge Srl
Via delle Ghiaie, 22
38122 Trento (TN) - Italy
t. +39 347 5041939
info@bluedge.it
P.IVA IT 02127010227
Copyright © 2017 Blue Edge Srl
Sito realizzato da webtonic.it
 

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa